Martedì, 29 January 2019 10:59

REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100 ENTRANO IN VIGORE

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale entra in vigore il maxi decreto che introduce reddito di cittadinanza e quota 100 per la pensione. Il reddito andrà a 1,3 mln di famiglie, il 20% straniere: da 40 a 780 euro al mese, 1.330 alle famiglie numerose. Per quota 100, dovrebbe riguardare 290mila persone nel 2019 e altre 680mila nei due anni successivi per circa 20 miliardi al lordo degli effetti fiscali. Secondo i calcoli del Governo tra il 2019 e il 2028 ci saranno oneri aggiuntivi per 46 miliardi e 2,3 milioni di assegni dati in anticipo rispetto alle regole precedenti il decreto.
Ecco nel dettaglio del misure del decreto.
Reddito di cittadinanza.  I requisiti di reddito e di patrimonio per l’accesso al reddito di cittadinanza contemplano un Isee complessivo annuo del nucleo familiare entro i 9.360 euro e un reddito familiare che non superi i 6mila euro (per un single proprietario di casa, elevati a 9.360 in caso di locazione), fino a un massimo di 12.600 euro, in base alla composizione del nucleo familiare (20mila euro se nella famiglia c’è un disabile). Un altro paletto riguarda il patrimonio immobiliare, che non potrà superare i 30mila euro (oltre alla prima casa), sempre ai fini Isee, e mobiliare non oltre i 6mila euro, elevati fino a 10mila euro per un nucleo di tre persone, e di ulteriori 1.000 euro per ogni figlio successivo al secondo. A richiederlo potrà essere anche chi percepisce il Rei, che potrà scegliere se passare al nuovo sistema.
Importi ed obblighi. Gli assegni per gli aventi diritto saranno erogati a partire dal mese di aprile direttamente su una carta emessa da Poste Italiane e arriveranno fino a un massimo di 780 euro. L’importo mensile è infatti di 500 euro per un single con l’aggiunta di 280 euro per l’affitto. Se la casa è di proprietà ma si paga un mutuo, il contributo abitativo mensile scende a 150 euro. Per la pensione di cittadinanza (solo per over 67): massimo 630 euro più 150 per l’affitto. Al crescere del nucleo familiare, cresce l’ammontare del sussidio. Per le pensioni di cittadinanza serviranno 67 anni di età.  Il reddito di cittadinanza potrà essere chiesto via web, agli uffici postali o attraverso i Caf, mentre l’Inps verificherà se si è in possesso dei requisiti. Dopo l’accettazione, il beneficiario verrà contattato dai Centri per l’impiego per individuare il percorso di formazione o di reinserimento lavorativo. Si potrà beneficiare del sussidio “per un periodo continuativo non superiore a 18 mesi”, rinnovabile “previa sospensione dell’erogazione per un mese prima di ciascun rinnovo”. Il reddito sarà erogato attraverso una card unica emessa da Poste italiane: si potranno prelevare contanti per un massimo di 100 euro al mese se si è single. Chi non spenderà entro il mese i soldi assegnati li perderà. È vietato spendere soldi del Rdc per il gioco d’azzardo pena la revoca del beneficio. I beneficiari del reddito sono obbligati ad accettare «almeno una di tre offerte congrue» di lavoro. Dopo 12 mesi di fruizione del beneficio non si potrà più rifiutare alcuna offerta congrua, pena la decadenza del beneficio.
Le agevolazioni per le imprese. Alle aziende che assumono un beneficiario del reddito viene indirizzato l’importo percepito dal neo-assunto per i mesi rimanenti fino alla fine del ciclo di 18 mesi (o per un minimo di cinque mesi). Per donne e disoccupati da lungo tempo all’impresa viene corrisposta una mensilità extra. Le aziende percepiscono metà dell’importo del reddito (sempre fino a fine ciclo) nel caso in cui il beneficiario usufruisca di un corso di formazione per l’impiego o dell’ausilio delle agenzie per il lavoro (a cui andrà il restante 50%). Agevolazioni concesse a patto che l’impresa aumenti il numero di dipendenti.
Quota 100 parte in via sperimentale per il triennio 2019-2021 e riguarderà un milione di lavoratori. Il decreto approvato dal Consiglio contiene tutti i dettagli della misura, che avrà una copertura di 4 miliardi di euro. Si può andare in pensione con almeno 62 anni di età e un’anzianità contributiva minima di 38 anni. Il diritto conseguito entro il 31 dicembre 2021 può essere esercitato anche successivamente. Il requisito di età anagrafica è successivamente adeguato agli incrementi della speranza di vita. Prevedibilmente, si continuerà a discutere di ulteriori agevolazioni. Ad esempio di aumento della pensione di invalidità a 780 euro al mese. Le eventuali modifiche saranno discusse nel corso del normale iter di approvazione del decreto, che nel frattempo sarà comunque in vigore, con le attuali misure.
Divieto di cumulo. La pensione con quota 100 non è cumulabile, fino alla maturazione dei requisiti per l’accesso alla pensione di vecchiaia, con i redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione di quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale, nel limite di 5.000 euro lordi annui.
Finestre. Chi ha maturato i diritti a quota 100 entro il 31 dicembre 2018 potrà andare in pensione dal primo aprile 2019; chi li matura dal primo gennaio 2019 avrà diritto alla pensione tre mesi dopo. I dipendenti pubblici potranno andare in pensione dal primo agosto 2019; quanti maturano i requisiti dal 1 gennaio, dovranno aspettare sei mesi. La domanda di collocamento a riposo va presentata con un preavviso di sei mesi.
Opzione donna. Pensioni anticipate secondo le regole di calcolo del sistema contributivo per le lavoratrici con un’età pari o superiore a 58 anni di età e le lavoratrici autonome con almeno 59 anni, che abbiano maturato un’anzianità contributiva di almeno 35 anni. Il requisito di età anagrafica non è adeguato agli incrementi della speranza di vita.
Lavoratori precoci. Abrogati gli incrementi di età pensionabile per l’effetto dell’aumento della speranza di vita per i lavoratori precoci, che potranno andare in pensione a 41 anni trascorsi 3 mesi dalla maturazione dei requisiti
Fondi bilaterali. I fondi di solidarietà bilaterale potranno erogare un assegno straordinario per il sostegno al reddito ai lavoratori che raggiungono i requisiti di quota 100 nei successivi tre anni. L’assegno può essere erogato solo in presenza di accordi collettivi di livello aziendale o territoriale con i sindacati, in cui si stabilisce il numero di lavoratori da assumere in sostituzione di chi lascia.
Pace contributiva. In via sperimentale (triennio 2019-2021) i lavoratori che non hanno maturato contributi al 31 dicembre 1995 potranno riscattare in tutto o in parte i periodi compresi tra il primo e l’ultimo contributo; i periodi possono essere riscattati per massimo 5 anni anche non continuativi. Il costo sarà detraibile al 50% in cinque quote annuali. L’onere per il riscatto può essere sostenuto dal datore di lavoro destinando i premi di produzione spettanti al lavoratore. Il versamento si potrà effettuare il 60 rate mensili, senza interessi per la rateizzazione.

Letto 93 volte

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Cookie policy

Quest’informativa ha lo scopo di rendere note le procedure seguite per la raccolta tramite i cookie delle informazioni fornite dagli utenti durante la navigazione del sito web.

Che cos’è un cookie e a cosa serve?

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato dal proprio dispositivo nel momento in cui si visualizza un sito internet.
I cookie permettono un funzionamento efficiente del sito e ne migliorano le prestazioni, inoltre forniscono informazioni al proprietario del sito per fini statistici o pubblicitari, principalmente per personalizzare l’esperienza di navigazione dell’utente ricordando le sue preferenze (per esempio ricordare la lingua e la valuta che ha impostato al fine di riconoscerlo alla visita successiva).

Quali cookie utilizziamo e per quali finalità?
Il nostro sito utilizza diverse tipologie di cookie e tecnologie affini, ognuna delle quali ha una specifica funzione. Vengono qui di seguito elencati i cookie utilizzati, evidenziandone la relativa funzione.

TIPOLOGIA DI COOKIE FUNZIONE
Cookie di navigazione

 

Fin dal primo accesso questi cookie permettono al sito di funzionare in maniera corretta e di visualizzare i contenuti sul dispositivo riconoscendo la lingua del Paese dal quale l’utente si connette. Nel caso nel sito siano presenti aree di registrazione e l’utente sia registrato, permetteranno all’utente di essere riconosciuto accedendo alle aree riservate. I cookie di navigazione sono cookie tecnici e sono pertanto necessari alfunzionamento del sito.

Cookie Funzionali

 

Questi cookie permettono, in base all’espressa richiesta dell’utente, di essere riconosciuto agli accessi successivi in modo da non dover inserire nuovamente i propri dati a ogni visita. Nel caso di siti e-commerce, se l’utente ha aggiunto articoli al carrello e chiuso la sessione senza completare l’acquisto e senza eliminarli dal carrello, questi cookie consentiranno di continuare l’acquisto la volta successiva in cui l’utente accederà al sito (entro un periodo di tempo limitato).
I cookie funzionali non sono indispensabili al funzionamento del sito, ma migliorano la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici

 

Questi cookie sono utilizzati ad esempio da Google Analytics al fine di elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso il computer o le applicazioni mobile, sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione di un sito.Il nostro sito tratta i risultati di queste analisi in maniera anonima ed esclusivamente per finalità statistiche solo se il fornitore utilizza i servizi in connessione al browser installato sul computer dell’utente o su altri dispositivi utilizzati per navigare il nostro sito.

Cookie di terze parti per marketing/retargeting

 

Questi cookie sono utilizzati da società terze di fiducia che permettono all’utente di visualizzare banner pubblicitari su altri siti affiliati, mostrandogli gli ultimi prodotti che l’utente ha visualizzato sul sito. Mentre l’utente naviga all’interno del nostro sito, questi cookie sono utilizzati anche per mostrargli prodotti che potrebbero essere di suo interesse o simili a quelli che ha guardato in precedenza, basandosi sulla sua cronologia di navigazione. L’uso di questi cookie normalmente non implica il trattamento di dati personali, ma può permettere la connessione al computer dell’utente o ad altri dispositivi e rintracciare i dati salvati: questi cookie si connettono al browser installato sul computer dell’utente o su altri dispositivi utilizzati durante la navigazione sul nostro sito.

Cookie di Social Network

 

Questi cookie sono necessari per permettere all’account social dell’utente di interagire con il nostro sito. Servono ad esempio per far esprimere all’utente il proprio apprezzamento e per condividerlo con i propri amici social. I cookie di social network non sono necessari alla navigazione.

 

Com’è possibile disabilitare i cookie e gestire le preferenze?

La maggior parte dei browser è configurata per accettare, controllare o eventualmente disabilitare i cookie attraverso le impostazioni. Ricordiamo tuttavia che disabilitare i cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il funzionamento del sito e/o limitare il servizio che offriamo.
Qui sotto il percorso da seguire per gestire i cookie dai seguenti browser:

IE: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies
Safari: https://support.apple.com/kb/PH19255?locale=it_IT
Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en
Firefox: http://support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie di profilazione di terza parti vi invitiamo a visitare http://www.youronlinechoices.com/
Per disabilitare i cookie analitici e impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla tua navigazione, puoi scaricare il Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

 

Convenzioni

pianeta convenzioni

Socials Network

facebook Facebook

TWITTER Twitter

icona-newsletter2  Newsletter